ATAC, svelato l’animale guida.

Salve a tutti,
è circa un mese che lavoriamo ininterrottamente ad una ricerca scientifica “rivoluzionaria”, ed oggi dopo 30 giorni di appostamenti, di analisi e di faticose ricerche possiamo affermare con certezza che gli “addetti di stazione” di ATAC hanno dei comportamenti lavorativi paragonabili a quelli di un animale che, visto l’andazzo dei trasporti pubblici di Roma, deve essere stato eletto dall’azienda ad “animale guida”.

Signori e signore, stiamo parlando della “chiocciola” comunemente conosciuta come “lumaca”.
Infatti, è stato scientificamente provato che gli addetti di stazione, proprio come l’animale a cui si ispirano, si rendono visibile nei loro gabbiotti/biglietterie solamente quando viene piovere.
Tant’è vero che proprio oggi, complici le condizioni atmosferiche particolarmente “umide”, nella stazione del trenino di Casal Bernocchi, l’epifania di un addetto di stazione ha suscitato nei pendolari “increduli” grida e canti di giubilo.

DiarioDisservizi RomaLido

E con oggi inizia ufficialmente la nuova stagione dei “Disservizi atac”. E visto che ogni anno viviamo esperienze “straordinarie”, momenti che non dovrebbero mai essere dimenticati, “cose che voi umani non potete nemmeno immaginare”, abbiamo pensato di creare un bel “diario” sul quale ogni utente della linea RomaLido, possa segnalare tutti i disservizi che quotidianamente gli vengono regalati dalla superazienda di nome “atac”.

Facciamo questo per “non dimenticare”, perché sarebbe davvero un peccato arrivare alla fine del nuovo anno lasciando indietro ricordi “importanti”. Ma soprattutto perché alla fine dell’anno potremmo tirare le “nostre” somme senza doverci basare solamente sui “numeri e i dati” che atac e le diverse agenzie di stampa (di uno o dell’altro colore) decidono di dare in pasto a noi poveri pendolari.

Quindi sperando di avere la massima partecipazione da tutti i pendolari (anche perché, per incrementare i dati del diario abbiamo bisogno di tutti i pendolari), qui potrete trovare il “Diario dei Disservizi della RomaLido”: http://bit.ly/QeQCUB e qui un piccolo “readme” http://bit.ly/TPPipK con le info utili per iniziare ad aggiornare il diario.

Come spiegato nel “readme” il diario è in fase sperimentale e quindi per qualsiasi consiglio contattateci: [email protected]

Contro l’inutile spesa per le barriere antirumore lungo la ferrovia RomaLido

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Sarebbe bello se quei soldi, venissero spesi per “migliorare” un servizio che a considerarlo “scadente” gli si fà un complimento.

Comunicato congiunto dei Comitati contro l’inutile spesa per le barriere antirumore ad Ostia

COMUNICATO STAMPA

COMITATI DI OSTIA CONTRO LE BARRIERE

In data 25 giugno 2012 si è svolta una riunione di Comitati di Ostia che ha visto la presenza del Comitato Pendolari Roma Ostia, Cdq Ostia Nord, Comitato Civico, Sentinelle degli alberi Roma Lido, Cdq della Pineta, Cdq Paranzella, Cdq Ostia Centro, Cdq Largo Roncalli, Amici della Madonnetta e la partecipazione di circa 100 cittadini.

L’argomento della riunione è stato quello relativo alle barriere fonoassorbenti che l’ATAC vuole costruire lungo la ferrovia Roma Lido.

Da parte di tutti i Comitati è stato espresso un giudizio negativo sull’esecuzione di tale opera. Si ritiene che oltre a essere dannosa, in quanto prevede abbattimenti indiscriminati di pini secolari, blocco della circolazione dell’aria e  degrado della zona, è oltretutto inutile per una buona parte dei cittadini che risiedono lungo la ferrovia (tutti i residenti dei piani 3° 4° e 5° non riceverebbero nessun beneficio rispetto all’inquinamento acustico che si vorrebbe combattere).

I Comitati ritengono che la cifra prevista per l’investimento dovrebbe essere utilizzata per migliorare la linea ed il materiale rotabile.

Per quanto riguarda i binari in particolare sono stati evidenziati una serie di interventi possibili che ridurrebbero non di poco l’impatto acustico e che potrebbero essere avviati in occasione dei lavori previsti per l’innalzamento degli stessi presso le stazioni.

Il Comitato delle Sentinelle degli Alberi Roma Lido ha inoltre dichiarato di aver raggiunto le 3.000 firme raccolte contro l’intervento previsto e di aver sottoposto ad un legale, perché proceda per via giudiziale, i vizi di forma rilevati nella procedura di affidamento dell’appalto.

 

 

FIRMATO

-Comitato Pendolari Roma Ostia-

-Comitato di Quartiere Ostia Nord-

-Comitato Civico-

-Comitato Sentinelle degli alberi Roma Lido-

-Comitato di Quartiere della Pineta-

-Comitato di Quartiere della Paranzella-

-Comitato di Quartiere di Ostia Centro-

-Comitato di Quartiere Largo Roncalli-

-Comitato di Quartiere Amici della Madonnetta-

Sintesi dell’incontro del 27/3/12 tra il Comitato Pendolari RomaLido ed ATAC

Ciao a tutti,

riporto quanto discusso nel comitato pendolari, attraverso il link al loro blog:

http://ostiaroma.wordpress.com/2012/03/30/lincontro-del-comitato-pendolari-con-atac-di-martedi-27-sintesi-ecco-cosa-ci-siamo-detti/

——————-

All’incontro di ieri mattina fra il Comitato Pendolari Roma – Ostia e la Direzione dell’ATAC erano presenti il dott. Saccà, Direttore del Customer Care, e l’ing. Lanzone, responsabile della linea Roma – Lido.

L’incontro si è tenuto presso i locali dell’ATAC alla stazione di Piramide.

Il Comitato, presente con una delegazione di otto componenti, ha consegnato i questionari e le statistiche associate (vedi articolo sul nostro blog), commentando i dati.

L’ATAC ha preso atto dei risultati, ma ha anche sottolineato di essere costantemente informata dello stato del servizio. Ha ammesso che lo stato della linea è arrivato a un punto di non ritorno e ha comunicato che è intenzionata ad intervenire, da una parte con gli investimenti e gli interventi che sono stati illustrati nell’incontro in Regione il 13 marzo scorso, dall’altra anche con azioni mirate, sollecitate dagli utenti e dalle loro organizzazioni. In particolare il Customer Care, che per sua missione raccoglie le lamentele dei viaggiatori, si attiva con le azioni necessarie a rimuovere le cause delle segnalazioni.

Il Comitato ha invece fatto presente che la sua di missione è quella di fare pressione per arrivare ad avere un trasporto pubblico efficiente. In diversi interventi dei suoi componenti, ha portato all’attenzione della direzione dell’ATAC una serie di questioni “minori” (per impegno tecnico ed economico) rispetto agli impegni presi in Regione, che possono trovare una soluzione in tempi più rapidi e dare un segnale positivo di impegno verso l’utenza. Si tratta di:

  • Pulizia dei vagoni;
  • Presenza di orari aggiornati in tutte le stazioni e lungo le banchine,
  • Manutenzione degli ascensori e delle scale mobili (spesso ferme),
  • Funzionamento degli ascensori e delle scale mobili durante l’orario di servizio (oggi spesso non sono attivi durante la giornata),
  • Installazione di rastrelliere per il parcheggio delle biciclette,
  • Apertura dei servizi igienici durante l’orario di servizio,
  • Installazione di display con l’indicazione degli arrivi dei treni,
  • Fasatura delle partenze dei bus fuori delle stazioni con l’arrivo del treno,
  • Informazioni sui lavori relativi al ponticello tra Ostia Antica e Acilia,
  • Trasparenza gestionale e sulle decisioni assunte (abbiamo richiesto il bilancio aziendale, la carta dei servizi e l’accesso a documentazione utile a comprendere meglio le motivazioni delle decisioni che vengono assunte) e comunicazione efficiente agli utenti in tutte le stazioni (come ad esempio annunci dei ritardi,…),
  • Infine partecipazione democratica dal basso, intesa consultazione stabile delle organizzazioni di base, tra cui il nostro comitato.

L’ATAC su alcune questioni ci ha anticipato alcune risposte (o parte di risposte), mentre su altre ha preso tempo dicendo che avrebbe fatto le verifiche opportune prima di farci sapere.

Come premessa ha informato che essendo ente gestore del servizio deve chiedere la copertura economica delle spese alla Regione.

Quindi ci ha risposto che:

  • Il servizio di informazione al pubblico sarà potenziato, con l’avvio di un presidio presso la centrate di movimento di Acilia, che inizierà ad avvisare gli addetti di stazione sulla linea, dei ritardi previsti superiori a 5 minuti.  Successivamente sarà ampliata la copertura dei sistemi di amplificazione delle banchine di varie stazioni (Vitinia, Ostia Antica, Tor di Valle, Casal Bernocchi) per fare annunci più comprensibili.  In un secondo tempo ATAC conta di attivare il sistema AVL, simile all’AVM già attivo sulla maggior parte degli autobus, per il controllo GSM della posizione dei treni.  Infine (fondi regionali permettendo) ATAC vuole inviare questi dati di movimento su display di stazione, analoghi a quelli già attivi sulle Metro.
  • Sui display sarà effettuata una valutazione dei costi per avere indicazioni sulla spesa da affrontare entro il mese di aprile;
  • Sulla pulizia dei vagoni ha cercato di minimizzare il problema, dicendo che la pulizia viene effettuata ma la vetustà delle vetture non consente di apprezzarne l’effetto, ma hanno assicurato che i lavaggi sono almeno tre a settimana;
  • Sulla fasatura dei bus avvierà una verifica interna e, poi, un confronto con Roma servizi per la mobilità, cui spetta la pianificazione delle linee di superficie;
  • Per quanto concerne ascensori e scale mobili non possono funzionare senza un presidio. Quando non c’è personale di stazione vengono quindi interrotte le funzionalità. ATAC pensa di avviare un sistema di monitoraggio da remoto solo per gli ascensori e per ora solo nelle stazioni di Ostia Antica e Vitinia, il che consentirebbe anche di liberare personale per altre stazioni non monitorate;
  • Sugli orari nelle stazioni interverrà subito;
  • Sul ponticello ci hanno detto che i lavori sono stati fermi a causa della Provincia, che è competente sui corsi d’acqua, e che ha tardato a dare il consenso all’intervento. I lavori dovrebbero forse riprendere entro l’estate (se possibile) con la chiusura della linea durante un fine settimana, altrimenti slitteranno a dopo l’estate;
  • Ci è stata consegnata una copia della Carta dei Servizi, mentre sul bilancio ci faranno sapere;
  • Le rastrelliere non sono di competenza ATAC, saranno coinvolte le istituzioni competenti ;
  • Per la stazione di Vitinia sarà verificata la tenuta delle coperture in caso di pioggia;
  • Sono sempre disponibili ad incontrarci per discutere dei problemi.

Infine alla domanda su quali siano i loro obbiettivi non hanno risposto, lasciando quindi intendere che si limitano a gestire la situazione con quello che hanno, in sostanza nessuna politica di espansione e miglioramento adeguato del servizio.

Il Comitato ha replicato che prende atto della disponibilità e degli impegni della Direzione ATAC, ma, come abbiamo affermato anche in Regione, le parole da sole non sono sufficienti e quindi vigileremo per garantire che siano messe in campo tutte le azioni dichiarate e che siano raggiunti i risultati prefissi nei tempi indicati.

Ci siamo lasciati con un appuntamento di massima fra un mese.

 

RomaLido – “Disagi?? colpa di una gestione scellerata”

Riceviamo e volentieri pubblichiamo, ribadendo con forza che i gravissimi disagi che si sono verificati oggi sulla ferrovia Roma-Lido non sono stati causati dallo sciopero dei lavoratori, ai quali và tutta la nostra solidarietà ma DALL’INCOMPETENZA DEGLI AMMINISTRATORI DI UN  AZIENDA CHE VIAGGIA INESORABILMENTE VERSO IL “FALLIMENTO.

_____

Ferrovia Roma – Lido

“La scellerata gestione dell’azienda nel corso degli ultimi 3 anni ha determinato sulla Roma Lido una situazione che non trova giustificazione”. E’ quanto affermano il capogruppo regionale e il portavoce romano della Federazione della Sinistra, Ivano Peduzzi e Fabio Alberti

“Questa mattina l’ennesimo episodio che ha costretto migliaia di utenti a percorrere a piedi centinaia di metri sulla ferrovia  a causa di un guasto ad un convoglio che, durante la notte, ha bloccato i binari ma soprattutto a causa dell’indecente nella gestione dell’azienda.

L’incompetenza di questi amministratori, sia politici che aziendali, sta provocando lo smantellamento del tpl. Lo stato di degrado della linea Roma Lido non è casuale e non è dovuto all’aumento dei viaggiatori ma deriva dalle troppe  negligenze e inefficienze  e risponde a un disegno strategico che non vuole riformare ma privatizzare il servizio pubblico per renderlo remunerativo ai privati.

La Regione e il Comune si apprestano a fare questo, assoggettando il tpl alle regole del mercato, per dare profitti agli imprenditori e per far pagare agli utenti tutti i costi sociali due volte: con le tasse della fiscalità generale e con le tariffe”.

“Abbiamo già da tempo evidenziato i mali di questa gestione e, insieme agli utenti e ai pendolari, abbiamo  formulato semplici proposte per uscire da questo stato – proseguono Peduzzi e Alberti – Per chi vive lungo il litorale, l’unica alternativa alla circolazione delle auto private è proprio la ferrovia Roma Lido, che è già dotata di una infrastrutture e dunque non necessita né di opere faraoniche né di ulteriore cementificazione e cosumo di suolo pubblico.

Ma per svolgere la sua funzione la Roma Lido deve essere definitivamente trasformata in ferrovia metropolitana con i necessari interventi sull’infrastruttura e sui treni.

Prima di pensare alla costruzione di nuove stazioni, è urgente ripristinare il numero dei treni, visto che siamo passati dai 28 del 2009 ai 13 disponibili oggi, di cui non tutti funzionanti; mettere in sicurezza i ponti, i cavalcavia e la sede binario; tutelare il patrimonio pubblico con il ripristino delle recinzioni e l’attivazione di adeguati sistemi di sorveglianza contro i continui furti dei cavi di rame; procedere all’ammodernamento degli apparati di sicurezza; rinnovare quei componenti della rete aerea soggetti a continue “cadute”; provvedere alla corretta manutenzione della sede binario e riattivare le capacità manutentive delle officine aziendali”.

“L’amministrazione Comunale e quella Regionale – concludono – hanno l’obbligo di garantire il diritto alla mobilità, hanno l’obbligo di ascoltare gli utenti e i pendolari per la costruzione partecipata di un piano strategico della mobilità”.

 Fds Regione Lazi
o
http://www.federazionesinistralazio.it/

SOS Atac – il dossier e le Talpe

SOS Atac… aiutateli!
Prendo spunto per il titolo di questo rapportino, dalla geniale intuizione visiva della Talpa Camera7 e che ben rende l’idea dell’aria che tira: ATAC ABBI PAURA!

Stamane c’è stata la presentazione in pubblico di un dossier elaborato dalla Federazione della Sinistra del Lazio insieme ai circoli PRC di Acilia, Ostia e Spinaceto.
Il dossier sintetizza quanto espresso dagli utenti della linea Roma-Lido su circa 2000 questionari, tra carta e web.

Un’ottima iniziativa partita tempo fa e che ancora continua, raccogliendo le opinioni degli utenti per poi presentarle ai vertici ATAC, che dovranno rendere conto della situazione.

In breve:
– Il 93% degli intervistati definisce le vetture scomode e in pessime condizioni igieniche
– il 61% ritiene il servizio informazioni praticamente inesistente
– Bocciatura per la frequenza delle corse e il tempo di percorrenza complessivo.
– il 75% definisce le vetture troppo affollate,
– il 62% ritiene che la frequenza delle corse è scarsa
– infine, per il 59% degli intervistati il servizio è inaffidabile.

Poco frequente, affollato, sporco e soprattutto INAFFIDABILE. Inaffidabile per andare a lavoro, per andare a scuola, per condurci dove generalmente NON possiamo permetterci di essere inaffidabili, perchè pagheremmo personalmente: con l’azienda, con la scuola, con i nostri clienti.

La situazione è grave, sia per il servizio, sia per l’infrastruttura: scale mobili e ascensori sono spesso fuori uso o CHIUSI. Chiusi ed inutilizzabili, come le gambe di chi non può fare le scale, e rimanere quindi imprigionato in banchina.

Ebbene, le Talpe, assidue frequentartici dei sotterranei dei quartieri e della società, usano spesso il treno Roma-Lido, e stamattina erano lì.
Le Talpe non potevano non partecipare ad una iniziativa sì degna e vicina ai cittadini!

Con la FDS e le altre associazioni presenti abbiamo condiviso la visione che bisogna COOPERARE per poter far massa critica e diffondere in modo più capillare l’informazione e le iniziative di protesta e proposta: insieme si VINCE!

TALPE DI TUTTI I PAESI UNITEVI! TWITTATE E PARTECIPATE!
ATAC: ABBI PAURA E LANCIA L’SOS!

Stay Tuned.
TalpaSolare.

 

“SOS Atac”

Questa mattina le *Talpe* erano ad Acilia durante la presentazione del “dossier sulla #RomaLido” (già trattato qui sul nostro blog). Questo è il nostro piccolo servizio … seguito a breve da un articolo.

Servizio realizzato dall'”Associazione Culturale Collettivo La Talpa” in collaborazione con “Camera7”

 

Dossier sulla RomaLido

*** EDIT: ecco il testo del dossier: Dossier Roma-Lido scaricabile in PDF. *** Seguirà articolo.

Dopo i fatti dello scorso 15 Febbraio che hanno visto protagonista, sulla maggior parte delle testate giornilistiche locali,  la lina del trenino “Roma – Lido” qualcosa sembra finalmente “muoversi”.
Proprio ieri infatti abbiamo appreso che il movimento nazionale di “Italia Garantista” ha dato mandato ai propri avvocati, guidati da Domenico Stamato di preparare una “class-action” contro ATAC per i continui disagi provocati ai danni dei pendolari.

E questa sera invece scopriamo che Martedi 21 Febbraio 2012 alle ore 9 presso la stazione di Acilia si terra la presentazione di un “Dossier sulla #RomaLido“. Questa iniziativa, promossa dal “gruppo Fds della Regione Lazio“, dai circoli di Rifondazione Comunista di “Acilia”, “Ostia” e “Spinaceto” e dal circolo “Metro Cotral” avrà (come si legge sul sito del PRC Lazio) lo scopo di “elaborare delle proposte condivise per il miglioramento dei trasporti“. Durante l’iniziativa ai giornalisti ed a tutti i presenti verranno forniti i dati che il PRC ha elaborato nel corso del 2011 e che raccolgono le stime sulla soppressione delle corse e sulla qualità del servizio.

Chiediamo a tutti i “cittadini” di parteciapre numerosi a queste iniziative perchè il “Trasporto Pubblico Locale” non ha bandiere, è un diritto e un patrimonio di tutti. Riappropriamoci del nostro territorio e delle sue ricchezze!

 *Talpa17*